Il passaggio dall’idea al progetto d’impresa

Un discreto numero di partecipanti al seminario FARE IMPRESA, che abbiano tenuto presso Lazio Innova il 16 e 17 febbraio scorso, ci hanno inviato la loro idea imprenditoriale e hanno chiesto di partecipare al concorso per il premio che verrà conferito nel giugno prossimo. Vediamo come avviene il passaggio dall’idea al progetto di impresa che si presenterà al concorso.
Il primo passo è la selezione delle idee; di questo si sta occupando, in questo momento, l’apposita commissione che individuerà, entro il mese, le idee ammesse e i rotariani che assumeranno il compito di tutor per assistere gli imprenditore nella preparazione del progetto d’impresa. Questa prima valutazione sarà basata sulla validità e fattibilità dell’idea. Ad essa seguirà una valutazione progressiva durante il percorso di tutoraggio nella quale verrà verificata l’esistenza e il consolidamento degli ingredienti necessari al nascere della nuova impresa, che sono:
La fattibilità di un prodotto/servizio funzionante,
l’esistenza del bisogno che esso soddisferà,
le competenze, capacità e dedizione al progetto del team dei promotori tali da renderlo più forte dei concorrenti,
e infine le condizioni finanziare per l’inizio dell’attività.
Nelle nove settimane da inizio aprile a inizio giugno i nostri potenziali imprenditori dovranno prepare il prototipo, testarne l’appetibilità per i potenziali clienti, definire le strategie di marketing e vendita, individuare un modello di business redditivo e sostenibile nella crescita. Infine preparare la loro road map e il business plan, che presenteranno alla commissione che assegnerà il premio. Un lavoro molto impegnativo per loro e per i loro tutor.
Questo progetto si inserisce nella via rotariana d’azione a favore dei giovani. Avrà però la valenza aggiuntiva di una “ricerca” in merito al tasso di sopravvivenza della vocazione imprenditoriale, sperimentandolo su questo campione di giovani che, chiedendo di partecipare al concorso, hanno dimostrato di averla.
Si tratta di una esperienza importante anche per Virgilio e per i club rotariani, che in essa potranno trovare un riscontro del risultato effettivo del servizio reso.
Cogliamo dunque l’occasione per augurare un caloroso “in bocca al lupo” a start upper e tutor, assieme, stante la data di questa pubblicazione, a quello di una serena Pasqua, anche da parte del Presidente di Virgilio 2080, a tutti i nostri lettori
La Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.