OUR WAY

OUR WAY

L’8 giugno scorso abbiamo partecipato alla giornata inaugurale dell“Open Validation Agrifood”, iniziativa congiunta del BIC di Latina e di quello di Bracciano, di cui Virgilio 2080 è fra gli sponsor, nell’ambito della sua continua e proficua collaborazione con BIC Lazio. Il percorso di Validation è l’esempio di un valido impiego di risorse pubbliche, cosa che, purtroppo, non è abbastanza dato vedere. La giornata ci ha fornito l’occasione di riflettere su differenze e sinergie fra l’azione di BIC Lazio e il nostro modus operandi.

BIC Lazio ha un ruolo e risorse di servizio al territorio regionale, per stimolare lo spirito imprenditoriale dei giovani e per promuoverne le iniziative. Noi abbiamo la risorsa professionale dei rotariani del territorio e la missione rotariana di servizio disinteressato. Il primo effettua un percorso operativo che genera un vivaio di potenziali imprese, attraverso stimolo ( sessioni di storming ), quindi scouting ( start up lab e incubazione ), e infine formazione ( validation ),. Noi entriamo in contatto con i titolari per accompagnarli nel percorso dalla potenzialità alla realtà d’impresa. Mentre BIC eroga formazione utilizzando docenti, noi facciamo “training on the job”. Naturalmente la distinzione non è così netta. Ad esempio Virgilio ha partecipato al RYLA di Monterotondo e altri club, nello scorso marzo, nel quale si è prevalentemente erogata formazione; però adesso la start up vincitrice del concorso associato al RYLA è tutorata dal Virgilio.

Riconoscere la diversità del nostro ruolo rispetto a quello dell’ente pubblico è basilare per capire quanto importante e insostituibile possa essere l’opera di Virgilio. Pensiamo ad un team imprenditoriale fatto di giovani che non hanno ancora nessuna esperienza d’impresa. Rispetto alle loro esigenze, la conoscenza della teorie manageriali acquistabile, o ottenibile gratuitamente con risorse pubbliche, attraverso corsi di formazione, è una “commodity”, cioè un bene di tipo generico, non specifico per le loro esigenze in questa fase adolescenziale della loro vita imprenditoriale.

Ciò che il mercato non offre è proprio la cosa di cui maggiorante hanno bisogno: imparare a prendere decisioni. Il mercato non glie la può offrire a causa degli ostacoli esistenti per ciascuna categoria degli operatori presenti sul mercato: i consulenti professionali, perché la start up non ha i soldi per pagarli; i venture capitalist e i business angel, perché sono la loro controparte negoziale, gli enti pubblici, perché i loro addetti non hanno il necessario vissuto di esperienze; le altre istituzioni finanziarie, perché le start up non sono meritevoli di credito. Invece il tutor di Virgilio non ha nessuna di queste controindicazioni e il suo scopo è servire al di sopra di ogni interesse personale. Al momento il nostro limite è un solo: non sono ancora abbastanza i rotariani del nostro distretto con backgound imprenditoriale o manageriale che conoscono Virgilio e la sua opera. Questo a differenza dei distretti di Milano, dove Virgilio è nata e il cui ambiente sociale, istituzionale ed economico è più favorevole. Il risultato è che in quei distretti si è già superato il traguardo di 1000 tutoraggi effettuati, mentre noi, che però abbiamo solo tra anni di vita contro i loro più di 20, abbiamo ancora alquanto distante il traguardo dei primi 100.

Ci aspetta dunque un cammino lungo e non facile. Però abbiamo l’opportunità di rendere un grandissimo servizio ai giovani del nostro territorio e vi riusciremo senz’altro attivando le energie dei nostri colleghi rotariani, iscritti e non ( non ancora ) a Virgilio 2080.

AMPIA PARTECIPAZIONE ALL’ASSEMBLEA DI VIRGILIO APERTA AI ROTARIANI

AMPIA PARTECIPAZIONE DEI CLUB ALL’ASSEMBLEA APERTA DI VIRGILIO 2080

Ha avuto luogo il 22 maggio scorso l’assemblea dell’associazione Virgilio 2080, quest’anno per la prima volta aperta a tutti i rotariani del distretto. Numerosi sono stati i partecipanti, appartanenti ad una ventina di club del distretto. Nell’affollato Auditorium dell’UNAR, Unione Associazioni Regionali di Via Aldovrandi, alcuni fra i maggiori esperti, rappresentativi di importanti operatori del settore, hanno fornito ai presenti un quadro del mondo delle start up e della sua realtà locale. La fotografia del settore è stata presentata da tre diversi punti di osservazione: quello dell’investitore, dal presidente del LVentures, la venture capital collegata all’Università Luiss, quello dell’animatore del network degli operatori romani, il presidente di Roma Start Up, e quello dell’ente regionale per l’incubazione delle nuove imprese, la direttrice generale del BIC Lazio.

Possiamo così sintetizzare gli aspetti più salienti esposti dai relatori.

Innazitutto lo spazio crescente che l’ecosistema delle start up sta occupando nell’economia di tutti i paesi avanzati. La destrutturazione delle grandi organizzazioni, attraverso fenomeni come l’outsourcing delle attività “non core” e la Ricerca e Sviluppo non più effettuata solo dall’interno, come un tempo, ma anche attraverso l’acquisizione di invenzioni e know how nati all’esterno dell’impresa, pongono le start up al centro dell’innovazione dell’industria e dei servizi.

 

In secondo luogo la predominanza, nel paradigma di questa nuova economia, della variabile finanziaria. Questo perché l’investimento in start up è fra i più rischiosi e occorre che quella piccola percentuale che ha successo compensi le perdite di quelli che non lo hanno, che generalmente sono molti di più. Perciò l’investitore professionale cerca A) ritorni elevati di B) forti investimenti in C) tempi ridotti. Questo lo porta a scartare tutte quelle iniziative che, pur con una loro validità industriale, non offrono una attraente prospettiva finanziaria. Ciò può andare a vantaggio di chi ha talento, dedizione e determinazione, che può realizzare i propri obiettivi con una rapidità che non ha paragoni rispetto al passato. Ma, al contempo, la selezione fra gli aspiranti imprenditori é tanto spietata da far si che il contributo del settore all’ascensore sociale sia molto inferiore al suo potenziale e a quanto sarebbe auspicabile.

Il terzo aspetto, evidenziato principalmente dalla rappresentante dell’ente della Regione, ha riguardato la presenza del supporto pubblico. Si tratta di un sostegno prevalentemente non finanziario, almeno a livello regionale, ma di tipo più professionale. Ci ha fatto molto piacere che l’intervenuta abbia segnalato, fra gli strumenti che l’ente mette a disposizione dei nuovi imprenditori, proprio i tutoraggi prestati da Virgilio 2080, in virtù dell’ormai consolidata collaborazione di quest’ultimo con il BIC Lazio.

Ha suscitato molto interesse la testimonianza, portata dal presidente del club di Monterotondo-Mentana, del RYLA effettuato nel marzo scorso collegato con un concorso fra le start up presentate dai partecipanti al RYLA. L’apporto professionale di Virgilio 2080 è risultato determinante per il successo di questo programma che, avviato in precedenti anni ratoriani, era rimasto in stand by prima dell’incontro con Virgilio.

 

Incoraggiati anche dall’interesse di questa testimonianza, abbiamo esposto, nelle conclusione dell’incontro, l’intento della nostra associazione di offrire, a tutti i club del distretto, la nostra collaborazione per iniziative da inserire nei loro progetti per il prossimo anno rotariano. Le iniziative alle quali pensiamo, e che vorremmo definire meglio in termini personalizzati per ciascun club, riguarderanno i giovani di fronte al nuovo mondo del lavoro che li aspetta. Ciascun club, interessato alla materia, potrà fare uno scouting fra i giovani del suo territorio per scoprire chi ha la vocazione imprenditoriale, aiutarli a coltivare il loro progetto, fornire loro le basi della cultura d’impresa, utili sia per loro come per chi aspiri a inserirsi nel mondo delle imprese nel ruolo di lavoratore dipendente.

INVITO AI ROTARIANI DEL DISTRETTO 2080 ALL’ASSEMBLEA APERTA DELL’ASSOCIAZIONE VIRGILIO 2080

Caro consocio rotariano del Distretto 2080, in qualità di presidente dell’Associazione Virgilio 2080, ho il piacere di invitarti alla nostra assemblea annuale che quest’anno avrà una sessione aperta a tutti i rotariani del Distretto.

Virgilio 2080 raggruppa i rotariani che si prestano gratuitamente come tutor ai giovani che intendono avviare una propria impresa ed è operativa dall’anno rotariano 2013-2014. Dispone di una rete di rapporti di collaborazione con importanti istituzioni del territorio del Distretto e nazionali. Hanno sinora aderito alla nostra associazione una cinquantina di rotariani, una compagine che desideriamo allargare per contribuire sempre di più ad aiutare i giovani potenziali imprenditori.

Abbiamo avuto molte testimonianze di club interessati ad incontrare il mondo delle start up. Ad esempio, poche settimane fa si è conclusa la brillante iniziativa congiunta dei club Monterotondo-Mentana, Appia Antica, Mediterraneo e Tevere, di un RYLA intitolato “Start Up: dall’idea alla realizzazione”. Nella foto la premiazione della vincitrice del concorso fra le idee di start up presentate.

Abbiamo così deciso di estendere il campo del servizio reso dalla nostra associazione: alla offerta di tutoraggio a nuovi e potenziali imprenditori, intendiamo aggiungere il nostro supporto professionale ai club che desiderano promuovere e aiutare le start up, così come abbiamo fatto con il RYLA dei quattro club sopra citato. Ci metteremo perciò a disposizione di tutti i club che vogliono dare il proprio sostegno agli aspiranti o nuovi imprenditori del loro territorio o comunque promuovere la cultura d’impresa.

Con questa nostra assemblea aperta intendiamo far conoscere meglio agli amici del Distretto il mondo delle start up, che oggi rappresenta, per i giovani che iniziano la loro vita lavorativa, uno sbocco sempre più importante.

A tal fine abbiamo previsto un “panel” cui parteciperà:

— per il Rotary: la Governatrice incoming Salvina Deiana e l’ing. Maurizio Umana, presidente del Rotary club Monterotondo-Mentana, che porterà la testimonianza del citato Ryla

— e autorevoli operatori del settore: il dr. Gianmarco Carnovale, presidente di Start up Roma, l’associazione che aggrega tutte le più importanti associazioni pubbliche e private del settore presenti nel territorio regionale, l’ing. Laura Tassinari, direttore generale dell’incubatore regionale BIC Lazio, ente con il quale Virgilio ha una consolidata collaborazione, il dr. Stefano Pighini, presidente di Lventure, la venture capital quotata partner dell’università LUISS. Modererà il dibattito il PDG Giuseppe Perrone, membro del nostro consiglio direttivo.

Ci auguriamo che dalla tua partecipazione tu possa ricavare elementi utili per la tua via d’azione a favore dei giovani e per favorire anche, se lo vorrai, l’avvio di un nostra eventuale collaborazione con il tuo club. Se pensi che riuscirai ad essere presente, ti saremo grati di darcene conferma comunicando la Tua adesione all’evento all’indirizzo: info@virgilio2080.it o, se preferisci, registrandoti al nostro sito Virgilio2080.it

Nell’attesa di incontrarti dunque il 22 maggio p.v. alle ore 18 all’auditorium dell’UNAR-Unione Associazioni Regionali di via Aldrovandi 16, ti porgo i miei più cordiali saluti.

Roma, 3 maggio 2017

ASPIRANTI STARTUPPER INCONTRANO IL ROTARY AL BIC LAZIO

In un paese come l’Italia, che esporta più di decine di migliaia di giovani laureati all’anno e dove la percentuale di NEET ( giovani che né studiano né lavorano ) è del 27% ( con più del 38% al sud ), aiutare i giovani a migliorare la loro condizione è diventata una priorità per il Rotary. Hanno dato prova di prenderla molto seriamente quattro club del nostro distretto, che hanno congiuntamente organizzato ed eseguito il RYLA “StartUp dall’idea alla relizzazione” di cui questa è stata la locandina

Quattro i club che insieme al Rotarct Monterotondo Mentana hanno realizzato il RYLA: Monterotondo Mentana, Appia Antica, Mediterraneo e Tevere. Noi di Virgilio abbia dato il nostro supporto, fornito alcuni relatori, ottenuto che il BIC Lazio ospitasse il seminario nei gioni 17 e 18 marzo.

Hanno partecipato al seminario 20 giovani aspiranti starupper. Quattro di questi hanno elaborato e presentato la loro iniziativa imprenditoriale alla commissione valutatrice che nella sessione dell’ 8 aprile ha designato la vincitrici.

Virgilio é grata ai 4 club promotori per averle fornito l’occasione di sperimentare le modalità di collaborazione di Virgilio con i club, nel momento in cui essi decidono di occuparsi del mondo delle start up.

Sin dalla sua costituzione, quattro anni fa, Virgilio è impegnata nel mettere in contatto con le start up gli imprenditori, i manager ed i professionisti del Rotary offrendo loro la possibilità di diventare “tutor” degli aspiranti imprendiotori. Questo è un servizio che rendiamo invidualmente ai qiei rotariani che, consapevoli del servizio che possono rendere agli imprendori alla prime armi, decidono di inscriversi all’associazione e diventare tutor. Ma iniziative come questa dimostrano che Virglio può rendere anche o stesso servizio collettivamente ai club che vogliono rendersi utili al mondo delle start up. Un mondo che sta assumento un ruolo sempre più importante nell’economia del paese per il suo contributo all’innovazione ed alla produttività. In questo contesto Virgilio si pone come l’ambasciatore del mondo delle start up presso i club per agevolarli in uno dei percorsi, oggi fra i più significativi, della via d’azione a favore dei giovani.

Start-up innovative

Le start-up innovative sono il capitolo chiave del DL Crescita 2.0 assieme all’Agenda Digitale. Su PMI.it è possibile reperire news, guide e approfondimenti sul quadro normativo ed agevolativo: definizione e requisiti, disciplina e regolamenti attuativi, iscrizione speciale al Registro delle Imprese, deroghe al diritto societario, caratteristiche e istituzione dell’incubatore certificato di start-up.

Sorgente: Start-up innovative

Come creare una startup

Vuoi creare la tua startup? Scopri come accedere ai benefici della legge 221/2012 che agevola la costituzione di attività d’impresa innovative. Le Camere di commercio d’Italia ti offrono una guida on-line sui requisiti per diventare startup e sulle modalità e scadenze per l’iscrizione della tua società alla sezione speciale del Registro Imprese.